26 settembre 2022

7 Importanti Repliche Di Cronografi TAG Heuer, Dal 1887 ad Oggi

Il TAG Heuer Monaco è uno dei numerosi modelli di orologi replica significativi che celebrano il suo 50° anniversario nel 2019, ma è tutt’altro che l’unico cronografo importante e innovativo che l’orologiaio svizzero ha creato nella sua illustre storia. In effetti, pochi marchi di orologi sono meglio conosciuti per i cronografi di TAG Heuer. I primi compaiono nel catalogo dell’azienda nel 1882; sono stati seguiti da una sfilata di cronografi tecnicamente innovativi che continua ancora oggi. Ecco sette punti salienti della storia di TAG Heuer di falsi orologi cronografici.

1. Pignone oscillante (1887)

TAG Heuer Oscillating Pinion

L’obiettivo dichiarato del fondatore di Heuer Edouard Heuer era quello di rendere i cronografi tecnicamente più semplici e notevolmente più economici senza comprometterne l’affidabilità o la precisione. Nel 19° secolo, la frizione orizzontale era una caratteristica del cronografo standard, ma Heuer voleva un modo più semplice per collegare il cronografo al movimento. Il 3 maggio 1887 gli fu concesso un brevetto per quello che chiamava un “pignone oscillante”, noto anche come “pignone oscillante”. Era un pergolato con un pignone a ciascuna estremità. Un pignone ingranava con la ruota dei secondi del movimento e l’altro, quando il cronografo era acceso, con la ruota del cronografo. Quando il cronografo è stato spento, il pignone si è staccato dalla ruota del cronografo. Il dispositivo ha funzionato così bene che è diventato un punto fermo nel settore dell’orologeria ed è oggi utilizzato nei movimenti cronografici tra cui l’ETA 7750.

2. Micrografia (1916)

 

TAG Heuer Mikrograph 1916 Replica

Nel 1914 Charles-Auguste Heuer mise in moto il progetto più ambizioso della sua azienda fino ad oggi. Ha chiesto ai suoi orologiai di creare cronometri 10 volte più precisi di tutti gli altri. Ci sono voluti solo pochi mesi per realizzare prototipi perfettamente funzionanti, dotati di bilancieri che oscillavano a 360.000 vph e ​​quindi erano in grado di misurare il tempo al 1/100 di secondo. Ognuno di questi falsi orologi da tasca rotondi, dall’aspetto piuttosto spartano, aveva una grande corona che fungeva anche da pulsante del cronografo. La lancetta del cronografo ruotava a un ritmo insolitamente veloce: una volta ogni 3 secondi. C’era un contatore per due minuti trascorsi sulla parte superiore del quadrante. Il movimento era dotato di uno scappamento ad ancora antimagnetico e di un bilanciere di compensazione con spirale Breguet. Heuer ottenne un brevetto per il suo meccanismo cronografo il 2 ottobre 1916. Il Mikrograph fu venduto per 100 franchi svizzeri, o $ 120. L’opuscolo di accompagnamento dichiarava: “Nonostante il suo prezzo basso, questo è il misuratore più accurato di intervalli ultra brevi”.

3. Carrera 12 (1963)

Heuer Carrera 12 Replica

L’amministratore delegato di Heuer Jack Heuer, pronipote del fondatore di Heuer Edouard Heuer, ha chiamato questo orologio replica in onore del raduno automobilistico Carrera Panamericana di oltre 2.000 miglia tenutosi in Messico dal 1950 al 1954. (La corsa è stata interrotta in parte perché era così pericoloso; è stato ripristinato nel 1988.) È stato il primo modello in assoluto di quella che è diventata la collezione di punta del marchio. L’orologio replica è stato più notevole per il suo design del quadrante. La flangia del quadrante risaliva con un angolo di 45 gradi dalla periferia del quadrante. La maggior parte delle flange a quei tempi erano vuote, ma Heuer decise di spostare la scala dei secondi trascorsi dal quadrante alla flangia. Ciò ha permesso di aggiungere quasi 2 mm al diametro del quadrante, migliorando così la leggibilità. Heuer ha dato un aspetto 3D al quadrante incassando i contatori. Ha anche omesso scale aggiuntive come un telemetro o un tachimetro in modo che l’orologio avesse un aspetto puro e ordinato. L’orologio replica Tag Heuer era alimentato dal calibro Valjoux 72 a carica manuale.

4. Monaco (1969)

TAG Heuer Monaco 1969 Replica

Nel 1969 erano stati sviluppati i primi movimenti al quarzo e stavano per arrivare sul mercato. Ma nessuno aveva ancora iniziato a preoccuparsi di una crisi imminente per gli orologi d’imitazione meccanici, quindi il mondo sembrava ancora molto in ordine per il CEO di Heuer Jack Heuer. Le vendite di cronografi da polso convenzionali a carica manuale, tuttavia, erano stagnanti, così nel 1965 Heuer unì le forze con Breitling, Büren e Dubois Dépraz per sviluppare un movimento cronografo automatico. Si chiamava Calibro 11 ed entrò in produzione in serie nel 1969. Era uno dei tre movimenti cronografici automatici svelati quell’anno, i primi movimenti di questo tipo mai realizzati. (Gli altri provenivano da Zenith-Movado e Seiko.) Heuer ha contribuito con 500.000 franchi svizzeri allo sviluppo del Calibro 11. Heuer ha alloggiato il movimento in una cassa quadrata non convenzionale ma comunque a tenuta stagna in acciaio inossidabile. Jack Heuer, un fan delle corse automobilistiche, ha chiamato l’orologio replica il Monaco, dopo la gara di Formula 1 del Gran Premio di Monaco. Non c’erano molti soldi per la pubblicità, quindi l’azienda ha cercato modi a basso costo per promuovere l’orologio. Heuer ha scelto il pilota svizzero di Formula 1 Jo Siffert come testimonial famoso. (Siffert è stato ucciso in un incidente di corsa nel 1971.) Steve McQueen indossava le tute originali di Jo Siffert, insieme a un orologio replica Monaco, quando ha recitato nel film Le Mans nel 1971. Oggi, il Monaco è un oggetto da collezione.

5. Chronosplit Manhattan GMT (1977)

TAG Heuer Chronosplit Manhattan GMT Replica

I display dell’ora digitale non sono la tazza di tè di tutti. Le persone con problemi di vista, in particolare, possono avere difficoltà a leggere i loro numeri a volte piccoli. Un display analogico, che utilizza le lancette per indicare l’ora, è più facile da leggere, alcune persone trovano. La replica Chronosplit Manhattan GMT, che ha debuttato nel 1977, lascia che chi la indossa abbia il proprio tempo in entrambi i modi: analogico e digitale. Heuer ha descritto questo modello come un “orologio per le persone che vogliono qualcosa di più di un convenzionale falso orologio elettronico“. La cassa, realizzata in acciaio, circondava un quadrante a sei facce su cui la metà inferiore ospitava le lancette per indicare le ore, i minuti ei secondi. La data è apparsa in una finestrella a ore 4. Il movimento funzionava in modo del tutto indipendente dal display a cristalli liquidi, che era posizionato nella parte superiore del quadrante. I pulsanti per regolare le varie funzioni erano posizionati lungo il bordo superiore della cassa. Anche se il cronografo era in funzione, l’utente poteva cambiare il display in modo che mostrasse l’ora di riferimento di 24 ore, ad esempio l’ora nel fuso orario di casa dell’utente. (Questa era la fonte del “GMT” nel nome dell’orologio.) La data e il giorno della settimana possono anche essere visualizzati sul display digitale.

6. Mikrotimer Flying 1000 (2011)

TAG Heuer Mikrotimer Flying 1000 Replica

Cercando di rafforzare la sua posizione di leader nei cronografi meccanici ultraprecisi, TAG Heuer ha lanciato un concept replica watch, il Mikrotimer Flying 1000 replica, a Baselworld 2011. Ha fatto ciò che nessun orologio meccanico precedente poteva fare: misurare gli intervalli al più vicino 1/ 1.000 secondi. Come il Mikrograph 1/100 di secondo, questo modello aveva due propulsori separati, ciascuno con il proprio sistema di oscillazione e scappamento. La frequenza dell’oscillatore del cronografo era di 3,6 milioni di vph (500 Hz). Incorporava un bilanciere molto corto, largo e robusto che ha sviluppato in collaborazione con Atokalpa, il produttore di componenti di proprietà della Sandoz Family Foundation (che possiede anche Parmigiani Fleurier). Questa molla funziona in tandem con uno scappamento ad ancora appositamente concepito. Le vibrazioni del bilanciere vengono avviate e arrestate con l’ausilio di un sistema di frenata e impulso controllato da una ruota a colonne, che agisce direttamente sull’asta del bilanciere. (L’orologio non aveva un bilanciere.) La lancetta dei secondi trascorsi montata al centro scattava attorno al quadrante 10 volte al secondo. Per leggere il tempo trascorso al 1/1.000 di secondo, è stato necessario aggiungere le quantità 1/100 e 1/1.000 di secondo, mostrate su due scale dalla lancetta dei secondi cronografica lunga e verde montata al centro, al 1/10- seconda misurazione mostrata sul quadrante (la lancetta in questo quadrante ruotava una volta ogni 5 secondi). Il cronografo aveva una riserva di carica di soli 3,5 minuti. La funzione dell’ora funzionava in modo convenzionale, utilizzando un oscillatore con una frequenza di 28.800 vph.

7. Cronografo Carrera Heuer 02 Tourbillon (2016)

TAG Heuer Carrera Heuer 02 Tourbillon Cronografo Replica

Il movimento di questo orologio replica è stato derivato dal movimento cronografo interno di TAG Heuer, il calibro CH-80, lanciato da TAG Heuer nel 2014. (L’azienda ha sospeso la produzione del CH-80 non appena è stato introdotto il movimento, spiegando che voleva invece concentrarsi sul suo movimento cronografo del 1887.) L’imitazione dell’orologio ha un tourbillon volante, di 32 mm di diametro e realizzato in titanio e carbonio. Il movimento, a bariletto singolo ed è certificato COSC, ha una riserva di carica di circa 65 ore. TAG Heuer realizza autonomamente i componenti principali del movimento e assembla il movimento nella sua fabbrica di Chevenez. (Il bilanciere è prodotto da Atokalpa.) La custodia, come quella del Carrera Heuer 01, è modulare e ha 12 parti (vedi pietra miliare precedente). Ma la caratteristica più degna di nota dell’orologio replica non è né il suo movimento né la sua cassa, ma il suo prezzo: $ 15.950, incredibilmente basso per un tourbillon di fabbricazione svizzera e coerente con la nuova enfasi dell’azienda sull’accessibilità (vedi sopra). Una versione in edizione limitata, completamente nera, costa $ 21.200. Per maggiori dettagli sull’orologio replica, fare clic qui.