22 maggio 2022

Repliche Patek Philippe 5101P 10 Jours Tourbillon

Nel 2003, Patek Philippe ha intrapreso una nuova era con il lancio di un orologio da polso senza precedenti. La replica 5101P 10 jours Tourbillon è stata l’unica a presentare un calibro di forma speciale dotato di un organo di regolazione del tourbillon e una riserva di carica di oltre tre giorni, concedendosi anche il lusso di un totale di dieci giorni. Inoltre, è arrivato in una speciale cassa in platino, presagio inconsapevole dello stile neo-vintage. Sebbene il marchio non avesse mai cessato la produzione di Grand Complications, questo segnò un cambiamento significativo. Il costosissimo 5101P e la sua forma estremamente particolare si è posizionato proprio ai vertici della scala nel settore. Si può dire che Patek Philippe ha appena alzato il livello, affermandosi come punto di riferimento per l’alta orologeria di fascia alta.

Il movimento e l’orologio replica hanno segnato gli ultimi ritocchi alla guida di stile di Patek Philippe. Il marchio non mette in mostra i suoi tourbillon; non sono visibili attraverso uno spaccato nel quadrante; nessuna scheletrizzazione li mette a nudo; non sono lì come una sorta di attrazione da baraccone. Il loro ruolo è puramente orologiero. Questa stessa logica aiuta a spiegare la dicitura sul quadrante: la presenza della parola “tourbillon” e il numero di movimento individuale che compare nei piccoli secondi devono la loro discendenza ai segnatempo dell’Osservatorio Competition.

Questo esercizio di discrezionalità da parte di Patek Philippe lo ha posizionato in un registro diverso fin dall’inizio, voltando le spalle al pacchiano mutismo che già minacciava di inghiottire i tourbillon. Il nome stesso dell’orologio è rivelatore: mettendo le parole “10 Jours” prima della parola “Tourbillon”, l’idea che l’organo di regolazione rotante fosse una sorta di panacea generale, tutto sommato, per tutti i arrivati era girò la testa. La complicazione era stata infatti utilizzata in pochissimi segnatempo nella storia del marchio. Il suo obiettivo è rimasto invariato rispetto ai giorni in cui gli specialisti del cronometraggio di repliche Patek Philippe cercavano principalmente di lasciare il segno nelle competizioni di cronometria e osservatorio: quello della precisione di corsa prima di ogni altra cosa.

Patek Philippe 5101p 10 Jours Tourbillon Replica
5101P Tourbillon 10 Jours © Patek Philippe Replica

Il quadrante in oro rosa massiccio è contrassegnato da numeri arabi degli anni ’20 applicati in modo improbabile. Per quanto riguarda il movimento, su di esso è stata profusa ogni raffinatezza immaginabile. Sei dei 29 gioielli sono incastonati in castoni dorati. L’ampio ponte del tourbillon ha due bracci arrotondati a lama, modellati in una forma oblunga a forza di lima e brunitore. La gabbia in acciaio pesa solo 0,3 g, che è particolarmente leggera, soprattutto per l’epoca. È completamente rifinito a mano: smussato, lucidato e satinato in un’operazione stimata dal marchio in un’intera settimana di lavoro. Le ore di lavoro dedicate al cronometraggio non sono menzionate, ma con il marchio fermamente impegnato a guadagnare tempi medi non superiori a un secondo e perdite medie non superiori a due secondi al giorno per i suoi tourbillon, è facile immaginare che il processo richieda molto più tempo del solito . Visto in tale ottica, sottoporsi al test COSC doveva essere una mera formalità.

Da allora repliche Patek Philippe ha prodotto pochissimi tourbillon. Il marchio li tratta come fece tra gli anni Quaranta e Settanta: come creazioni eccezionali; letteralmente, eccezioni alla regola. Lo testimonia il fatto che il calibro 28-20/222 rimane l’unico del marchio a offrire un tourbillon senza altre complicazioni prestigiose. Ora viene fornito con una ripetizione minuti, almeno. La replica di Patek Philippe non ha mai aperto le porte, preferendo trattenersi dall’aumentare massicciamente il numero dei suoi movimenti e modelli; non ha mai abbassato il livello di finiture e tempistica nemmeno su questi orologi. La sua eredità è essenzialmente cronometrica e storica, contribuendo così alla continua – e discreta – affermazione dell’azienda del suo primato.